Lezioni di Sevillanas

I corsi di Sevillanas a Milano

Giovedì dalle 18.45 alle 19.45 dal 3 Dicembre con Sabina Todaro Sede Via Passeroni 6 Porta Romana

foto cartel feria di Sevilla

cartel feria di Sevilla

Le Sevillanas

Le Sevillanas sono quattro brevi danze, su musica di ritmo ternario, in 3/4 (o in 6/8), con accento sul primo tempo (o sul primo e sul quarto) e frasi musicali in cui anche un ascoltatore inesperto riconosce strutture di 6 tempi. Vengono ballate in coppia (uomo-donna o donna-donna) e sono nate per accompagnare e celebrare le feste popolari.Prendono il nome dalla città di Siviglia, Sevilla, e sono danzate oggi in tutta l’Andalusia e in tutta la Spagna (e persino ben oltre i confini Iberici: anche qui in Italia è possibile ballarle, nel corso di feste a tema) da ogni genere di persone, al di là del loro stato sociale o della loro età, come celebrazione di festa e simbolo del legame con la “tierra” di Andalusia.
Costituiscono la parte più ludica e “accessibile” del panorama legato al Flamenco.

Funzione sociale delle Sevillanas

Storicamente le Sevillanas erano per i giovani un’occasione di incontro, magari alla ricerca di un partner per la vita, ma erano anche un modo per le famiglie per osservare le qualità di un giovane (o una giovane) che fosse legato sentimentalmente ad un loro figlio o fratello.

Nel corso del tempo, le Sevillanas si sono avvicinate al Flamenco, nelle sonorità e nelle movenze, per ovvie ragioni di coesistenza geografica, rimanendone però sempre del tutto distinte.

Le Sevillanas fanno o non fanno parte del Flamenco?

Non si può dire che facciano parte perché non possiedono alcune caratteristiche peculiari del Flamenco propriamente detto:
1) Non possiedono variabilità della struttura musicale e coreutica, che sono invece molto importanti, legate all’espressività e all’improvvisazione di musicisti e danzatori
2) Prevedono la costanza del tempo, fenomeno che nel flamenco non esiste: i pezzi musicali e le danze sono caratterizzati dal fatto che i musicisti e i danzatori scelgono la velocità da attribuire ai vari passaggi del loro brano, seguendo il criterio tradizionale di cominciare più lentamente e finire accelerando.
3) Prevedono una struttura coreografica prestabilita, tradizionale, con passaggi musicali e passi di danza che sono punti fissi obbligatori e che non si possono evitare o cambiare: questo concetto non avrebbe senso, poiché nella sua tradizione danza e musica nascono dall’ispirazione artistica del momento.
4) non è in alcun caso un ballo di coppia

Un po’ di storia delle Sevillanas

Le Sevillanas derivano dalle “Seguidillas”, danze popolari che si ballavano in tutta la Spagna del XVI secolo. Queste danze nella città di Sevilla vennero influenzate dalle danze della ricca tradizione della zona, dando origine a Seguidillas particolari, dette appunto “Seguidillas Sevillanas”.
Nel XVIII secolo le Sevillanas ballate dai più ricchi vennero modificate, unendo alla tradizione popolare di Sevilla elementi provenienti dalla nascente “Scuola Bolera”, danza che univa la tradizione popolare delle Seguidillas spagnole con le tecniche sofisticate della nascente danza classica di scuola francese e italiana, che erano state create proprio con l’intento programmatico di distinguere la danza dei nobili da quella del volgo.
Ne esistono molti stili diversi, con varianti anche nella musica e nei temi del canto, a seconda della scuola, della zona e del tipo di funzione che hanno: Sevillanas Rocieras, legate alla tradizionale processione della Madonna del Rocio, Sevillanas Biblicas, i cui testi parlano di argomenti biblici, Sevillanas Corraleras, legate alla vita del coral, del cortile, Sevillanas Boleras, influenzate dalla Escuela Bolera, e molte altre.
La bellezza di questo genere di danza sta nella sua varietà: trattandosi di danza popolare, non si richiede una precisione millimetrica nell’esecuzione, lasciando così largo spazio all’espressione personale del gesto.

Il Film “Sevillanas” di Saura

Carlos Saura ha girato nel 1992 un bellissimo film dedicato alle Sevillanas, dal titolo, appunto, “Sevillanas”, nel quale ha coinvolto tutti i maggiori artisti del momento. Il film, oltre ad essere meravigliosamente curato nella messa in scena e nella fotografia, è interessante per indicare la varietà possibile nel genere. Si trova on line o nei negozi specializzati sul Flamenco: un vero must!

Schema tecnico della coreografia

Le Sevillanas che vengono ballate oggi possono essere molte e molto diverse fra loro, a seconda del background dei danzatori, con varianti anche significative a seconda della zona, e varie influenze di moda, che cambiano nel tempo (qualche anno fa ad esempio si era diffusa l’abitudine di terminare la terza Sevillana su imitazione della seconda e molti anni fa le donne tendevano a fare la Pasada rivolgendo la schiena al partner per apparire più riservate…): i modi cambiano, ma non la struttura coreografica di base, che è fondata su uno schema stabile di passi che prevedono lo scambio di posto nella posizione dei partner alla fine di ogni strofa, e una serie di movimenti caratteristici di ogni Sevillana.

Tutte le Sevillanas sono basate su uno schema identico, e ognuna presenta una sua specificità.

Lo schema delle Sevillanas è costituito da:
1) introduzione musicale,
2) ingresso del cante mentre gli strumenti musicali creano una sorta disospensione
3) inizio della ritmica di accompagnamento al cante, con l’inizio del primo tercio della prima copla, cioè della prima strofa della prima Sevillana. La danza inizia con un “passo di Sevillana”
4) 4 gruppi di 6 tempi, durante i quali si svolge la prima strofa, o tercio del cante con passi specifici per ogni Sevillana
5) Sul finire della strofa i danzatori si scambiano di posto, eseguendo una“Pasada”
6) Una frase di pausa del cante, della durata di 6 tempi, nella quale i danzatori eseguono un passo di Sevillana
7) 4 gruppi di 6 tempi, durante i quali si svolge la seconda strofa o tercio del cante con passi specifici per ogni Sevillana
8) Come già accade nella prima strofa, sul finire della strofa i danzatori si scambiano di posto, eseguendo una “Pasada”
9) Come già visto, segue una frase di pausa del cante, della durata di 6 tempi, nella quale i danzatori eseguono un passo di Sevillana
10) 4 gruppi di 6 tempi, durante i quali si svolge la terza strofa o tercio del cante con passi specifici per ogni Sevillana
11) Finale con una posa: tradizionalmente i danzatori girano su se stessi (vuelta) e l’uomo cinge la donna alla vita, avvicinandosi

Il corteggiamento

Essendo state occasione di incontro nella tradizione, le Sevillanas nel loro insieme rappresentano un corteggiamento:
* la prima Sevillana simbolizza l’incontro fra il cavaliere, che deve mostrare la sua mascolinità, e la dama; che deve mostrare il suo fascino senza sbilanciarsi troppo… farsi guardare ma senza esagerare!
* la seconda simboleggia l’approccio più diretto, e termina con un abbraccio vorticoso
* la terza rappresenta la lite, ed è l’unica a prevedere la produzione di suoni al suolo con i piedi
* la quarta è la definitiva conquista.