Ginnastica Posturale

GINNASTICA POSTURALE ED ESERCIZI POSTURALI DINAMICI SECONDO BARTENIEFF

Il corso si svolge il mercoledì dalle 19 alle 20 nella nostra sede di Via Pomezia 12 in zona Loreto. (a partire dal 28 settembre 2022)

(metodo Laban Bartenieff) Nel corpo c’è continuità tra massa muscolare, ossa, strutture organiche, liquidi e tessuti, e su questa continuità si basa l’approccio del nuovo corso di Ginnastica Posturale & Esercizi dinamici secondo Bartenieff.

Finalità:

  • ritrovare la connessione tra mente e corpo,
  • migliorare la flessibilità
  • coordinare meglio l’azione
  • trovare un equilibrio ed allineamento attivi
  • ricostruire modelli (pattern) di movimento funzionali alla propria fisicità e necessità,
  • alleviare e diminuire doloretti articolari e muscolari
  • ritrovare il piacere di stare nel corpo!

Le connessioni che abbiamo con il mondo circostante sono legate a modelli di movimento neuromuscolari che il nostro corpo sviluppa e organizza nel tempo, dalla nascita lungo tutta la nostra vita. Lavori sedentari, sforzi muscolari, attività fisica non pensata ed organizzata correttamente,traumi fisici ed emozionali possono concorrere a modificare l’armonia del movimento e per compensare il dolore siamo portati ad assumere posture scorrette che affaticano la nostra colonna vertebrale acuendo disturbi che possono arrivare a cronicizzarsi.

Secondo le ultime revisioni della FORCE (Foundation of Osteopathic Research and Clinical Endorsement) “la fascia è un qualsiasi tessuto che contiene caratteristiche in grado di rispondere a stimoli meccanici. Il continuum fasciale è quindi dato dalla sinergia tra diversi tessuti, liquidi e solidi, in grado di supportare, dividere, penetrare, nutrire e collegare tutte le regioni del corpo, dall’epidermide all’osso, coinvolgendo tutte le sue funzioni e strutture organiche (…)” (Bordini B., Walkowski S. & altri, Fascial Nomeclature: an update, Cureus, 2019).

Il corpo è una meravigliosa macchina complessa, nella quale ogni singola parte lavora in connessione con le altre, sia in coordinazione che per compensazione. Corpo e mente sono altresì strettamente collegati nel movimento e nell’emozione: tutte le informazioni muscolari, di estensione e contrazione, arrivano infatti al nostro cervello grazie al sistema nervoso. Gli organi si contraggono o rilassano grazie ad input e percezioni che possono arrivare dall’esterno o dalla nostra mente (ricordi, pensieri..) così come i movimenti atti ad afferrare, muoversi nello spazio, ritrarsi.

Input che arrivano dall’interno e dall’esterno, pensieri e desideri, emozioni e tensioni muscolari fanno contrarre, deformare, adattare costantemente il nostro corpo in modo meccanico passivo ed attivo.

Che cos’è il Metodo Bartenieff?

I “Bartenieff Fundamentals” sono una serie di esercizi nati dall’osservazione del neonato e dallo sviluppo del suo movimento nel corpo, nello spazio e nella relazione con l’altro (persona/oggetto). Cosa è fondamentale nel movimento? Muoversi, rotolare, girare, spingere, tirare.. per ritrovare un’armonia naturale. Gli esercizi fondamentali di Bartenieff sono atti a correggere e ripristinare il movimento naturale nel corpo e sono stati sviluppati da Irmgard Bartenieff, allieva e collaboratrice di Rudolf Laban. Irmgard Bartenieff (1900-1981) era una terapeuta che si occupava di psiche e corpo ed ha integrato nel suo lavoro psicologia, kinesiologia, funzionalità corporea, fisioterapia, analisi del movimento, sviluppando una serie di esercizi utili a ritrovare la propria consapevolezza corporea, migliorare assetto posturale e ridurre dolori dovuti a malapostura o movimenti disarmonici.

Curiosità: questi movimenti vengono integrati spesso inconsapevolmente nella danza contemporanea ed utilizzati come base per improvvisazioni e coreografie.

Respiro, connessione distale tra centro ed estremità, connessione spinale tra testa e coda, movimenti omologhi, omolaterali, controlaterali ed ancora: spazio, tempo, peso, ritmo…

Il Corso

Nel corso il primo passo è quello di portare consapevolezza al respiro affinchè possa diventare la base di partenza e supporto per ogni movimento e “forma” assunta dal corpo nello spazio.

”Il movimento corre sul flusso del respiro, diventate consapevoli di come si modificano la cavità della bocca, del petto, dell’addome fino ad arrivare alle estremità (braccia/gambe/testa/coda)” (Bartenieff I., 1925)

Alla comprensione della tecnica meccanica ed armonica del movimento saranno poi uniti concetti legati all’analisi del movimento, come tempo, spazio, flusso, forze dinamiche, peso, direzione, velocità, ed ancora kinesfera, dimensioni, flow… principi e categorie alla base degli studi di Laban e che permettono all’individuo di migliorare la propriocezione, l’ascolto e consapevolezza del corpo in sè, nello spazio ed in relazione con gli altri e di ricostruire nuovi modelli (pattern) e schemi di movimento volti a ridurre gli sforzi non necessari e riorganizzare il movimento stesso in modo più funzionale.

A cosa serve il metodo Bartenieff?

I campi dell’applicazione di questo corso sono molteplici, poiché vengono coinvolte diverse discipline, tra cui anatomia, movimento, terapia fisica ed emotiva, psicologia e può essere utile non solo a chi desidera migliorare e prevenire dolori dovuti alla sedentarietà ed all’avanzare dell’età o ad anni di postura scorretta, ma anche a danzatori, attori, musicisti, atleti, insegnanti, per approfondire la conoscenza del proprio movimento migliorando propriocezione, intenzione, armonia ed evoluzione.

Il percorso è esperienziale e graduale: ogni partecipante sperimenta fisicamente gli esercizi di Bartenieff, la pratica classica della ginnastica posturale metodo Mezieres, le tecniche di rilascio miofasciale attraverso le sfere ed i rulli, i principi di Laban, esercizi di respirazione secondo Leboyer, di rieducazione Body Mind Centering secondo Bainbridge Cohen ed esercizi per integrare il movimento secondo gli studi di Peggy Hackney, con lo scopo finale di rieducare ed analizzare il proprio movimento da un diverso punto di vista.

Una parte del corso viene anche dedicata all’esperienza del tocco utile a riorganizzare i pattern personali, ad entrare in relazione profonda con il proprio corpo e con lo spazio circostante.

Come è nato questo corso?

Le lezioni di Ginnastica Posturale & Esercizi Dinamici secondo Bartenieff nascono come parte integrante del corso Equilibrio in Danza (lezioni tematiche sulle connessioni, le forme, le direzioni..) per poi svilupparsi durante il lockdown in un corso online a sé stante, rivolto a tutti coloro che avevano necessità di ricollegarsi al proprio movimento armonico, di prevenire e riabilitare alterazioni a carico della struttura corporea e della colonna vertebrale, di migliorare lo stato della postura, dell’equilibrio e della propriocezione.

Eloise Elisabetta Gennaro

Conseguisce diploma triennale in Analisi del Movimento secondo Laban Bartenieff a Berlino ed è istruttore CONI diplomata di Ginnastica Posturale. Pratica ed insegna danza del ventre e yoga da più di 20 anni approcciando nel corso del tempo diverse tecniche, dall’Hatha, all’Ashtanga – approfondita in India (stile Mysore), al Vinyasa, allo Yin Yoga. E’ inoltre operatrice Shiatsu, Reiki, Zen Stretching e insegna tecniche di rilascio miofasciale attraverso l’uso delle sfere e del rullo. Dottoressa in Psicologia Clinica, si occupa di terapia e riabilitazione in seguito a traumi psico-fisici ed emotivi attraverso il riequilibrio posturale, della colonna vertebrale e del movimento, integrando diverse tecniche. Negli ultimi 20 anni ha condotto numerosi gruppi e cerchi femminili

OBIETTIVO GENERALE

Prevenire, riabilitare e riattivare il sistema osteo-muscolare attraverso specifici esercizi di respirazione e movimento. Migliorare la postura, il senso dell’equilibrio, la propriocezione ed il tono dell’umore. Mantenere (o ritrovare) elasticità muscolare, allineamento, forza e connessione corpomente.

OBIETTIVI SPECIFICI

  • garantire un setting di ascolto accogliente e protetto
  • prevenire o riabilitare alterazioni a carico della struttura corporea
  • migliorare la mobilità, l’efficienza corporea ed il piacere di esprimersi attraverso il movimento
  • acquisire consapevolezza nel respiro e nel movimento
  • entrare in contatto con il proprio corpo migliorando postura, equilibrio, propriocezione
  • migliorare la connessione corpomente
  • stimolare abilità cognitive come attenzione, percezione, memoria
  • lavorare sulle problematiche strutturali ed osteoarticolari
  • rinforzo muscolare riequilibrando le catene muscolari (forza, flessibilità ed elasticità)
  • rieducare il corpo prevenendo cadute, migliorando equilibrio e elasticità muscolare
  • stimolare la capacità di vivere armonicamente nel proprio corpo
  • valorizzare la diversità
  • educare automatismi nello schema motorio
  • organizzare una routine spazio-temporale
  • ascoltare ed accogliere se stessi e gli altri attraverso l’ascolto
  • restare attivi migliorando il rapporto con il proprio sentire
  • prendere contatto con il proprio corpo in movimento nello spazio ed in relazione con gli altri
  • migliorare stati alterati dell’umore come ansia e depressione attraverso esercizi di respiro, centratura e meditazione

STRUMENTI

  • Tappetini da yoga
  • sfere/palline (micro e medium ball)
  • rulli
  • coperte
  • cuscini
  • elastici
  • bacchette di legno
  • palle
  • bastoni

(materiale disponibile a scuola o individuale)

INSEGNANTE Eloise (Elisabetta Gennaro)